ARCHIVIO
APPROFONDIMENTI
L’azione educativa nel cambiamento

[…] I mutamenti sociali e culturali in cui oggi viviamo rendono particolarmente difficile il compito educativo. Si tratta però, a ben vedere, di una “sfida” che ripropone in modo nuovo  la fatica di sempre e cioè quella di raccordare Verità e libertà, nel senso di favorire l’impegno di annunciare sempre la verità del Vangelo nel contesto e nel clima della libertà personale e sociale, caratteristica del nostro tempo.  La libertà, a volte smodata ed egoistica, non ci deve far chiudere in noi stessi, ma ci deve impegnare a testimoniare sempre con coraggio la verità del Vangelo e della persona di Gesù, con spirito di amore e di dialogo, per il bene vero della gente a cui il Signore ci manda lungo le strade del mondo. Le opinioni oggi in voga intorno all’autonomia assoluta e all’autoreferenzialità del soggetto, impediscono di riconoscere qualcosa come un valore in sé, che precede la decisione. Così, come dice S. Paolo, ognuno cerca conferme circondandosi non di maestri di verità ma “secondo le proprie voglie”, accogliendo a volte le “favole” presenti anche nell’orizzonte massmediale (cfr. 2Tim 4,4).

Tuttavia, come S. Paolo invita Timoteo ad andare avanti vigilando, soffrendo e annunciando il Vangelo nonostante gli ostacoli, così anche noi ci sentiamo non depressi e delusi, ma invitati con forza a credere fermamente che interpretando con sapienza le sfide del presente è possibile riconoscere e valorizzare le grandi opportunità del nostro tempo.


dal piano pastorale diocesano 2006-2009
torna indietro  versione stampabile