ARCHIVIO
APPROFONDIMENTI
AUGURIO PASQUALE

“Perché cercate tra i morti Colui che è vivo?”.

Questa è la splendida domanda con la quale gli angeli

cancellarono la tristezza delle donne

il mattino della risurrezione di Cristo.

O voi che avete più amore che fede,

più premura che comprensione,

perché cercate il Salvatore vivo nella tomba?

Il tempo del dolore è finito;

ecco la vittoria, secondo la sua parola

che voi non ricordate più:

“ Non è qui, è risorto!”.

Questi sono atti e parole di molti secoli fa,

che nella mente del mondo

è come se non fossero mai capitati:

eppure restano validi sino ad oggi.

Cristo è per noi, ora, esattamente come era

in tutte le sue meravigliose qualità

nel mattino della risurrezione:

e noi siamo benedetti perché lo sappiamo

-ancor più delle donne alle quali l’angelo si rivolse-

per l’assicurazione di Gesù stesso:

“Beati quelli che pur non avendo visto,

crederanno” (Gv 20,29).

J. H. Newman
torna indietro  versione stampabile